La pressa da stiro è uno strumento che è ormai entrato nelle case degli italiani, in sostituzione del buon vecchio ferro da stiro, che continua a essere utilizzato da chi non si fa problemi a perdere tempo durante la fase di stiratura e non bada ai consumi. La pressa ha vantaggi e svantaggi collegati all’utilizzo. Ecco quali sono e se conviene scegliere di usare la pressa da stiro in alternativa ai metodi tradizionali. Iniziamo dai vantaggi collegati alla pressa da stiro.

La pressa consente di stirare più indumenti rispetto al ferro da stiro, in termini di superficie. Ciò è dovuto alla composizione della stiratrice, costituita da un asse a temperatura ambiente, dove appoggiare i capi di abbigliamento per stirarli, e alla pressa vera e propria, che, invece, è calibrata a temperature elevate, che si possono stabilire in base al capo di abbigliamento collegato, scegliendo il gettito di vapore con le manopole poste in alto.

pressa da stiro online

La pressa da stiro consuma meno, perché è già pensata in un’ottica di risparmio energetico. Mentre per il ferro da stiro non puoi scegliere quanto scaldare la superficie che entra a contatto con il tessuto, con la stiratrice questo è possibile e ti consente di decidere quanta energia consumare. I Watt consumati sono indicati direttamente nella confezione della pressa da stiro.

La pressa da stiro si usa anche da seduti, un vantaggio per chi ha problemi a stare in piedi per lungo tempo e ha bisogno di stirare molti capi di abbigliamento, perché si riduce anche la fatica legata alla stiratura. La pressa da stiro è comoda anche per l’utilizzo, basta inserire il capo e richiudere la stiratrice, per ottenere in pochi secondi l’abito perfettamente stirato. I risultati sono molto simili a quelli di una lavanderia, perché le presse da stiro si possono considerare strumenti semi professionali.

Alcune presse da stiro, poi, non hanno bisogno nemmeno di acqua distillata, grazie al filtro per il calcare, che può essere sostituito, oppure rimosso per essere sciacquato sotto l’acqua corrente o in lavastoviglie. Infine, le presse da stiro si trovano spesso e volentieri in una confezione completa, con tanto di telo protettivo per i capi più delicati.

La pressa da stiro si adatta a diversi capi di abbigliamento, che siano camicie o jeans, tutti i capi si stirano velocemente, anche se alcuni capi hanno bisogno di essere passati sotto la stiratrice più volte, per le camicie, per esempio, andranno stirate prima le maniche, una alla volta, e solo dopo il resto del capo di abbigliamento.

Come tutte le cose, anche l’udo della pressa da stiro ha i suoi svantaggi. Il primo è il prezzo, che si sta via via allineando a quello dei più moderni ferri da stiro: la pressa ha un prezzo che oscilla dai 250 ai 600 Euro, in base ai programmi inseriti e agli accessori inclusi. In più, la pressa da stiro pesa di più rispetto al ferro da stiro e può risultare ingombrante: una stiratrice ha un peso variabile dai 10 ai 20 chili, per una lunghezza variabile dai 50 agli 80 centimetri.

Prima di acquistare la tua stiratrice, dunque, valuta i pro e i contro. La pressa da stiro dura nel tempo e se hai molto da stirare ogni giorno, è un validissimo aiuto: per questo, nonostante i contro, ci sentiamo di consigliare sia l’acquisto che l’utilizzo in casa di questo strumento semi-professionale, in grado di stirare un bucato per famiglie numerose e piccole attività senza dover contattare una lavanderia ogni volta. Una pressa da stiro professionale consente di ottenere anche una garanzia per eventuali sostituzioni o resi del prodotto.